Le Vostre Abitudini Determineranno il Vostro Futuro

“È più difficile da pensare che da fare”.
[Robert M. Pirsig]

Brent Vouri sapeva di essere condannato a morire. Il grave attacco di asma era sfociato in edema polmonare. I suoi polmoni si erano completamente inceppati, proprio come il motore di una macchina rimasto senza olio. L'ultima cosa di cui si ricordava, quella notte, era il pavimento dell'ospedale venirgli incontro precipitosamente. Poi il buio totale. Il coma era durato quindici giorni durante i quali aveva perso venti chili. Quando alla fine aveva riaperto gli occhi, era rimasto altre due settimane senza essere in grado di parlare. E questo era un bene perché per la prima volta in tanti anni aveva avuto la possibilità di riflettere:

“Perché a soli vent'anni la sua vita era andata in fumo?”

Per tenerlo in vita, i medici avevano dovuto compiere un vero miracolo, laddove molti ritenevano non avesse alcuna possibilità di sopravvivere. Brent rifletté a fondo. L'asma aveva fatto parte della sua vita dalla nascita. Da bambino, contrariamente ai suoi coetanei, e a dispetto dell'enorme dose di energia di cui disponeva, non era mai stato capace di dedicarsi ad alcuno sport, calcio o ciclismo che fosse. All'età di 10 anni i suoi genitori avevano divorziato, e tutte le frustrazioni accumulate erano alla fine venute a galla. Gli anni successivi erano stati una spirale in continua discesa verso droghe, abuso di alcol e dipendenza dal fumo, che lo portava a consumare trenta sigarette al giorno. Gli studi non li aveva terminati, finendo per essere sballottato senza una meta da un lavoro part-time all'altro. Nonostante il peggioramento costante della sua salute, aveva scelto di non curarsene. Fino a quella fatidica notte quando il suo corpo aveva detto: “Basta”.

Riflettendo era giunto a una cruciale conclusione: “È solo colpa mia per tutte le scelte sbagliate fatte nel corso di questi anni”. E si ripromise: “Mai più........... Voglio finalmente vivere”. Brent divenne sempre più forte e alla fine fu dimesso dall'ospedale. Poco dopo, mise a punto un risoluto piano d'azione per migliorare la sua vita. Innanzitutto si iscrisse a un corso di ginnastica. Per iniziare, come premio per aver completato dodici sessioni, si ripromise l'acquisto di una maglietta: obiettivo che raggiunse. Tre anni dopo, era diventato istruttore di aerobica. Accumulando di giorno in giorno sempre più slancio, partecipò, cinque anni dopo, ai campionati nazionali di aerobica. Nel frattempo, decise di proseguire gli studi ottenendo prima il diploma di scuola superiore, poi completando con successo la formazione universitaria. In seguito, in società con un amico, aprì una ditta specializzata nella produzione di abbigliamento con un organico iniziale di soli quattro dipendenti. La ditta ha festeggiato recentemente il suo quindicesimo anniversario ed è un'azienda multimiliardaria con 66 dipendenti e una rete di distribuzione internazionale di fornitura per clienti di alto profilo, tra i quali la “Nike”. Grazie alla decisione di attuare scelte migliori e di assumere abitudini migliori, Brent Vouri ha sovvertito la sua vita passando dallo zero di ieri all'eroe di oggi! Non è una storia entusiasmante? Questo esempio ci fa capire che ciò che conta è sapere che una vita ben vissuta non è solo un caso. Al contrario, essa dipende dalle scelte e dal vostro modo di reagire a ogni situazione. Se siete propensi a operare sempre scelte sbagliate, vi capiteranno spesso disastri. Le vostre scelte quotidiane determinano in definitiva se siete votati a vivere nell'abbondanza o in povertà. Tuttavia, la vita non chiude mai completamente le porte alle occasioni. Le scelte coerenti gettano le fondamenta delle vostre abitudini. Queste ultime, che comprendono le abitudini lavorative nonché quelle che si manifestano nella vita personale, svolgono un ruolo rilevante per il vostro futuro.

LE PERSONE DI SUCCESSO HANNO ABITUDINI DI SUCCESSO le persone che non hanno successo no!